Global Gender Gap Report 2013, ma in Cina le donne stanno meglio


Il World Economic Forum ha pubblicato anche quest’anno il rapporto The Global Gender Gap Report 2013, uno studio che analizza la parità di genere nel mondo in base a quattro criteri principali: salute, formazione, lavoro e partecipazione nel sistema politico.

Per quinto anno, l’Islanda è considerato il paese con la minore disparità di genere nel mondo, seguito da Finlandia, Norvegia e Svezia. A livello globale, la disparità di genere si è ridotta: 86 dei 136 paesi studiati (il 93% della popolazione) hanno mostrato un sottile miglioramento.

Anche se il nostro paese ha fatto un piccolo progresso nel ultimo anno ed è in salita di nove posizioni, è ancora al 71esimo posto di 136, ma due posizioni dopo la Cina. L’Italia è ancora molto lontana di garantire la parità di diritti tra uomini e donne. La politica (44esimo posto) e la scuola (65esimo posto) sono le categorie con risultati più positivi, mentre la salute (72esimo posto) ed l’uguaglianza nel mercato di lavoro (99esimo) presentano dei risultati ancora molto negativi.

gendergap2013

Annunci

La violenza non è uno spettacolo e quindi non deve essere usata per vendere


Alla luce del crescente risalto dato dai media e dalla politica ai femminicidi e, più in generale, alla violenza contro le donne, è importante valutare la qualità dei messaggi che riceviamo sul tema. Per quanto riguarda i messaggi pubblicitari, essi richiedono un’analisi critica nel corso della quale dobbiamo chiederci se siamo di fronte ad iniziative che servono veramente a migliorare la situazione corrente o se, invece, servono solamente altri fini.

Infatti, visto che questi temi e termini sono diventati di utilizzo corrente, c’è la possibilità di incorrere nel cosiddetto gender washing. In un post sul blog La 27esima ora, Marta Serafini spiega che con gender washing si intende il tentativo da parte di alcune aziende di lavare la propria immagine attraverso campagne di marketing contro il femminicidio. Secondo Marta Serafini,

il messaggio [delle aziende] sarà: “il nostro primo pensiero è per le donne, la loro parità, i loro diritti”. Ci proporranno spot di fronte ai quali ci sentiremo capite e amate. Ma non è assolutamente detto che dietro l’apparenza ci sia sostanza.

In quest’ottica per comprendere se un’azienda intraprende una campagna sulla violenza in modo etico potremmo soppesare da un lato, il guadagno che l’azienda trae dalla campagna, e dall’altro quanto l’azienda restituisce alla società. Una ditta infatti potrebbe usare una campagna del genere per lavare la sua immagine, apparire al pubblico sotto una luce positiva e quindi averne un ritorno economico consistente. Se è innegabile che il ritorno per la società della campagna pubblicitaria è la maggior informazione sull’argomento, è anche vero che, visto il ritorno economico che l’azienda ha avuto, non possiamo accontentarci solo dell’informazione. Chiediamoci poi di che tipo di informazione si tratta. Certo non si tratterà di conoscenze politiche o sociali approfondite, ma più probabilmente di un moto di coscienza in stile social network: dove per un breve periodo tante persone si “mobilitano” attorno a un tema mettendo “mi piace” su una pagina di Facebook. Chiediamoci ad esempio quanta sostanza c’è dietro alla campagna “Ferma il bastardo” di Yamamay. Aprendo la pagina di fb della campagna notiamo due cose: la prima è che i “mi piace” sono numerosi, hanno superato i 91.000, e la seconda è che la foto utilizzata per la campagna rappresenta l’ennesima donna con l’occhio nero, una donna vittima. Sempre guardando la pagina possiamo notare che da nessuna parte si trova indicazione del numero antiviolenza 1522. Si nota invece che le magliette utilizzate per sponsorizzare la campagna mettono bene in luce il brand in questione: se sulla maglietta si legge che Yamamay punta l’obiettivo contro la violenza sulle donne, in che modo si propone concretamente di aiutare le sopravvissute alla violenza? Qual è l’obiettivo di questa campagna?

Ferma-il-bastardo-YAMAMAY      Y-02

Ben vengano le aziende che hanno la volontà di sposare temi importanti come la lotta alla violenza, ma il compito di chi questi temi li ha veramente a cuore è quello di essere esigenti nei confronti di queste aziende e di chiedere un ritorno concreto per la società. In un’intervista fatta qualche tempo fa da Daniela Monti a Gianluigi Cimmino, amministratore delegato di Yamamay, quest’ultimo ha dichiarato che le tragedie delle donne “non gli faranno vendere una mutanda in più”. Non ci esprimiamo sulle mutande, ma sicuramente di magliette come quella che vedete nella foto sopra ne sono state vendute. Infatti Cimmino più di recente ha dichiarato che dalla vendita delle t-shit verrà dato il ricavato a sostegno delle associazioni sul territorio. Ci auguriamo che il beneficio d’immagine (e non solo) ricavato da Yamamay sia pari al sostegno che l’azienda devolverà a favore delle associazioni antiviolenza che da anni, senza scopo di lucro, aiutano le donne a combattere la violenza.

La mostra di vignette “No al Silenzio! Basta violenza sulla donne” di Furio Sandrini, meglio noto come Corvo Rosso, ha un altro taglio. Se da una parte sul sito di Corvo Rosso c’è diverso merchandise in vendita (anche legato al tema della violenza), notiamo che è anche presente una sezione dedicata alla rete dei centri antiviolenza che permette alle donne in difficoltà di localizzare qual è il centro ad esse più vicino. La mostra inoltre fa da cornice ad un vasto programma di eventi sociali e culturali come mostre, spettacoli teatrali e dibattiti legati al tema della violenza che avverranno a Milano dal 14 settembre al 27 ottobre.

corvocorvo centri

In conclusione, è importante valutare la qualità del messaggio che ci viene dato quando si parla di violenza sulle donne, e soppesare il beneficio che l’azienda trae dalla campagna con quanto invece restituirà alla società sottoforma di informazione ma soprattutto di aiuti concreti alle donne sopravvissute alla violenza e ai centri che queste donne le hanno sostenute nei percorsi di uscita dalla violenza anche quando parlare di violenza in Italia non garantiva ritorni d’immagine positivi ma era quasi un tabù.

Chi sicuramente non ha bisogno di lavare la propria immagine con campagne contro la violenza è chi la violenza la combatte da vent’anni. Iniziative quali il Il Festival La Violenza Illustrata, organizzato ogni anno dalla Casa delle donne di Bologna attorno al 25 novembre, mirano a sensibilizzare sull’argomento senza secondi fini né cliché. Sul blog del Festival troverete presto il calendario degli eventi di quest’anno.

blog violenza illustrata

___________________________________________

Riferimenti

La violenza sulle donne raccontata dai media


Oggi vogliamo condividere questo video realizzato dal blog “Un altro genere di comunicazione” per analizzare il modo in cui le notizie circa la violenza di genere vengono divulgate da parte dei media e deunciare quanto i messaggi siano ambigui nel non prendere posizione contro la violenza di genere.