“Femminicidio: chi ha paura della differenza?” di Patrizia Violi


All’interno di questo articolo, l’autrice Patrizia Violi, docente di Semiotica presso l’Università di Bologna, ripercorre la storia semantica del termine “femminicidio”. Tale concetto, entrato da pochi anni a far parte del nostro lessico, non è di fatto privo di importanza in quanto: “Il linguaggio non è un dispositivo che si limita a descrivere la realtà ma in qualche misura la crea, la determina e le dà forma”.

Il termine femminicidio trova la sua attestazione ufficiale nel Devoto-Oli del 2009 dove viene definito come:

“Qualsiasi forma di violenza esercitata sistematicamente sulle donne in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale, allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne l’identità attraverso l’assoggettamento fisico o psicologico, fino alla schiavitù o alla morte.”

Secondo l’autrice, la definizione del femminicidio presente nel Devoto-Oli risulta essere incompleta per le comprensione stessa di questo fenomeno poiché al suo interno non è presente alcun riferimento a quell’accezione più privata e familistica di queste uccisioni.

Ripercorrendo la storia semantica della parola femminicidio, Patrizia Violi decide di considerare il dibattito femminista anglo-americano su questo termine. All’interno di questo, la violenza delle donne viene letta e definita come un problema politico che ha le proprie radici nella cultura e nel potere patriarcale.

La professoressa appoggia tale interpretazione ritenendo che l’uccisione delle donne per mano degli uomini non sia un problema individuale e straordinario ma bensì politico e da sempre presente all’interno di ogni società di tipo patriarcale. Secondo Patrizia Violi:

“Man mano che il femminicidio viene inteso come una categoria analitica della teoria politica, il suo significato si fa trasversale e si estende ad ogni forma di violenza di genere contro le donne, venendo a coprire fenomeni diversi ed apparentemente lontani nel tempo e nello spazio, ma accomunati da una prospettiva di genere, al tempo stesso critica e teorica”.

Non è quindi possibile definire il femminicidio come un delitto generico in quanto esso non è nient’altro che condizione tragica di una normalità che ha le sue radici nel dominio maschile sul femminile:

“Le donne non vengono uccise per qualcosa che hanno fatto o detto; le donne vengono uccise perché donne, in quanto donne, perché portatrici di una differenza intollerabile agli occhi dei loro assassini.”

Questo resoconto risulta essere di particolare interesse per coloro che intendono indagare la storia semantica ed il contesto sociale in cui il termine “femminicidio” nacque.

Al suo interno, si affronta anche in maniera piuttosto innovativa il tema della differenza femminile rispetto a quella maschile. L’autrice difatti, presta delle possibili ipotesi sul perché il femminicidio sia un fenomeno sociale universale e da sempre presente all’interno delle società patriarcali.

È forse possibile parlare di una paura della differenza?

Naima Magris

Patrizia Violi. “Femminicidio: chi ha paura della differenza?“. Gender/Sexuality/Italy [http://www.gendersexualityitaly.com/femminicidio-chi-ha-paura-della-differenza/]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...