Seminario “Femminicidio: una lettura femminista” 29 novembre – Bologna


Nell’ambito del Festival de La violenza illustrata il Gruppo Femicidio oragnizza un seminario dal titolo:

Femminicidio: una lettura femminista
Il dibattito internazionale e il riconoscimento come violazione dei diritti umani

Luogo: Casa delle donne per non subire violenza

Via dell’Oro 3 – Bologna

sabato 29 novembre, ore 10:00-16:00

Foto murales Roma

Il femminicidio è una manifestazione della violenza maschile sulle donne diffusa in tutto il mondo. Solo da pochi anni è stato oggetto di un’attenzione specifica da parte della politica, dei media e del mondo accademico. Nel seminario, oltre a ripercorrere le origini del neologismo, verrà illustrato il dibattito internazionale in materia, con particolare attenzione ai percorsi di rivendicazione politica e di riconoscimento giuridico, in particolare nell’ambito delle Nazioni Unite come violazioni dei diritti umani. Verranno riportati studi e ricerche recenti sul temi e approfondimenti sul fenomeno e della sua interpretazione in Italia e nel mondo.

Seminario organizzato dal Gruppo femicidio della Casa delle donne di Bologna in collaborazione con Barbara Spinelli, avvocata, esperta in materia di femminicidio.

Iscrizione entro il 20 novembre e informazioni via mail a: femicidio.casadonne@gmail.com Iscrizione aperta a tutte le interessate dietro un contributo di € 20 che comprende il materiale e pranzo.

Il programma della giornata.

Annunci

Storia dei 16 Giorni di Attivismo Contro la Violenza di Genere


Aspettando l’8 marzo con questo post ci guardiamo alle spalle e vi raccontiamo la storia dei 16 Giorni di Attivismo Contro la Violenza di Genere.

Nel 1991 il Centro per la leadership globale delle donne (Center for Women’s Global Leadership) diede vita al primo Women’s Global Leadership Institute (WGLI) al quale parteciparono 23 donne provenienti da diversi Paesi e realtà rilevanti accomunate dalla volontà di contribuire a costruire un movimento globale per i diritti umani delle donne.

Nel corso del WGLI le partecipanti presero in considerazione diversi aspetti della violenza di genere e dei diritti umani ed ebbero modo di confrontare le rispettive esperienze sviluppando strategie per:

  • accrescere a livello internazionale il riconoscimento della natura sistemica della violenza contro le donne,
  • mostrare la violenza di genere come violazione dei diritti umani delle donne.

Per raggiungere questi obiettivi le partecipanti al WGLI decisero di mettere in campo la campagna “16 Giorni di Attivismo Contro la Violenza di Genere”. Come periodo per lo svolgimento della campagna, si decise di collegare la data del 25 novembre (Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne) a quella del 10 dicembre (Giornata mondiale per i diritti umani) al fine di ribadire che i diritti delle donne sono diritti umani e che la violenza di genere costituisce una violazione di tali diritti.

banner8

Un elemento fondamentale della prima campagna dei 16 Giorni di Attivismo fu il lancio a livello mondiale di una petizione indirizzata alla Conferenza Mondiale delle Nazioni Unite sui Diritti Umani del 1993. La petizione esortava il Comitato di preparazione della conferenza a occuparsi in maniera esaustiva dei diritti umani delle donne e a riconoscere che la violenza di genere è una questione che rientra nel campo dei diritti umani.

In un momento in un cui l’uso di e-mail e internet non era ancora diffuso, la petizione raggiunse 124 paesi e fu tradotta in 23 lingue.

Da allora la campagna dei 16 Giorni di Attivismo è stata utilizzata da moltissime associazioni in tutto il mondo come strategia organizzativa per rivendicare l’eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne. Dal 1991 ben 5167 organizzazioni in 187 Paesi hanno partecipato alla campagna e nel 2013 anche la Casa delle donne di Bologna ha segnalato il Festival La violenza illustrata – Giustizia Violata sul calendario mondiale della campagna dei 16 Giorni di Attivismo.

16_days_logo_english

_______________________________

Tradotto e riadattato da:

Sito ufficiale della campagna 16 Giorni di Attivismo Contro la Violenza di Genere http://16dayscwgl.rutgers.edu/about/activist-origins-of-the-campaign http://16dayscwgl.rutgers.edu/about/campaign-profile

FEMMINICIDIO. Il femminile impossibile da sopportare.


In occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, la Casa internazionale delle donne di Roma ha deciso di pubblicare la prima parte dell’Ebook gratuito: Femminicidio. Il femminile impossibile da sopportare. Si tratta di una raccolta degli interventi avvenuti durante l’incontro sul femminicidio tenutisi il 17 maggio 2013 alla Casa internazionale delle donne di Roma.

A questa conferenza hanno aderito diverse realtà coinvolte nella lotta alla violenza contro le donne, quali: rappresentanti istituzionali, giuristi, psicoanalisti e operatori del sociale. L’intento di quest’incontro e dell’Ebook che ne è il risultato, è infatti quello di contribuire a creare una rete tra chi opera per contrastare la violenza di genere al fine di agire in maniera congiunta sulle cause sociali e culturali del femminicidio.

femminicidio_vol1

Clicca qui per scaricare l’Ebook Femminicidio – Volume 1

In questa sede vorremmo soffermarci sull’intervento di Maria Grazia Passuello di Solidea, Istituzione di genere femminile e solidarietà della Provincia di Roma. Maria Grazia ha parlato della relazione storica tra i momenti di crisi e i femminicidi:

“la disarticolazione sociale e morale, il diffuso clima di incertezza e di paura favoriscono l’esprimersi esasperato di antiche pulsioni contro il genere femminile. Si sa che in tempi di crisi e di trasformazione sulle donne si addensa un sovraccarico simbolico e pratico di domande e di pretese.” In queste situazioni, ha aggiunto, “le donne vengono ancor più percepite come anello fisicamente e socialmente debole sul quale scaricare frustrazioni e aggressività”.

Maria Grazia ha sostenuto che è di fondamentale importanza creare una rete con tutti gli attori coinvolti nella lotta alla violenza di genere e, in particolare, ha focalizzato l’attenzione dei presenti sul rischio di recidiva e sul rischio di escalation di violenza (nello specifico sul metodo SARA).

Infatti, nel 2012 il 70% delle donne vittime di femminicidio in Italia aveva chiesto aiuto alle forze dell’ordine senza però ricevere risposte adeguate. Secondo Maria Grazia Passuello:

“valutare il rischio avrebbe senz’altro salvato molte di queste vite”, per questo la valutazione del rischio dovrebbe diventare obbligatoria per legge. All’atto pratico si tratterebbe di “applicare con maggiore decisione e continuità le misure cautelari di diverso grado, già previste dalla normativa in vigore, quali l’ordine di allontanamento dalla casa domiciliare, il divieto di dimora o la custodia in carcere”.

La seconda parte dell’Ebook verrà pubblicata sul sito della Casa Internazionale delle donne di Roma il 9 dicembre. Seguirà la terza e ultima parte il 16 dicembre.logo casa internazionale donne roma